In questi giorni mi sono accorto di quanto si dessero da fare i cavedani della Gambara per catturare le libelluline che passavano sull’acqua, alla fine ho elaborato un modello molto catturante di libellula che oggi mi ha permesso di ridare la libertà a tanti bei cavedani, ma l’ultimo è stato decisamente il più bello, un titano di 55 cm, più alto che lungo, mi ha fatto sudare le sette camice, un degno avversario che non voleva cedere.


Catturato a secca, ho provato un brivido quando dal fondo di quella buca buia ho visto salire la sua grossa bocca spalancata, sotto erano 4 o 5 i cavedani che alla vista della libellula volevano salire a bollare, ma questo, che era quello di dimensioni maggiori, con un paio di pinnate ha scansato gli altri e si è affrettato ad azzannare la preda. L’ho visto chiaramente perché era voltato verso di me, ho dovuto trattenermi dall’anticipare la ferrata ma è andato tutto bene.
Alla fine del combattimento, dopo mezzora circa, eravamo tutti e due stremati ma lui più di me. L’ho portato dove l’acqua correva, l’ho fatto ossigenare fino a che è sguazzato via.
Prossimamente cercherò di postare le fasi costruttive della libellulina.

11537615_887681887964785_7150142368995412203_o1491490_887682164631424_24376478999977500_o

A richiesta posterò le fasi costruttive di questo piccolo odonato. Tengo a sottolineare questo singolare sistema che ho ideato, per la realizzazione degli occhi, partendo da un foglio di foam dello spessore di circa 2 o 3 mm.

Utilizzo il suddetto metodo non solo per la costruzione di libellule, ma anche di mosconi, tafani, calabroni e altri terrestrial.

 

 

Amo: Tiemko a gambo medio del n°10 (presto posterò indicazioni più dettagliate in merito) Ma potrebbe fungere allo scopo anche un amo grub.

Filo: Like a river verde, bobina con banda verde.

Addome: Foam verde

Torace: Foam verde sovrastato da cactus ciniglia (verde e nera) della misura più piccola.

Ali: 4 punte di hakles tinte lilla

Occhi: Foam verde chiaro e cactus ciniglia.

 

1 Fissare una striscia di cactus ciniglia e fermarla a pochi millimetri dall’occhiello

 

2 Ritagliare un triangolo di foam verde chiaro e fissarlo per la punta inferiore presso il punto in cui

abbiamo fermato la ciniglia a pochi millimetri dall’occhiello

 

3 Rivoltare la ciniglia in modo che divida il triangolo in due e crei una depressione, quindi fissarla immediatamente dietro al foam

 

4 Prendere le due punte “libere” del foam, piegarle all’indietro e fissarle con il filo di montaggio.

In questo modo abbiamo ottenuto con facilità degli occhietti molto realistici, leggeri e resistenti.

 

5 Fissare una striscia di foam, alla quale in precedenza sono state realizzate le sezioni degli anelli addominali,

con l’utilizzo delle unghie o meglio di uno spillo preso nel morsetto e di un filo, meglio se sul bobinatore. Se la pressione esercitata è sufficiente i segni prodotti saranno permanenti,

ma se la pressione è troppa, il foam rischia di tagliarsi.

 

6 Fissare il foam a pochi millimetri dalla testa lasciandolo abbondare “dietro”

 

7 Ribaltare l’estremità e fissarla al centro

 

8 Ribaltare ulteriormente l’estremità e fissarla sempre al centro

 

9 Fissare al centro un primo paio di ali su di un lato

 

10 Fissare un secondo paio di ali sull’altro lato

 

11 Se “si riesce” rigirare i calami e rifissarli in modo da assicurarli maggiormente, in alternativa mettere un goccio di attak

 

12 Fissare della cactus ciniglia alla base delle ali

 

13 Avvolgere la ciniglia attorno al torace e fissarla dietro la testa

 

14 Eseguire il nodo di chiusura o presso il collo o presso l’occhietto dell’amo e mettere un goccio di colla.

 

15 La nostra libellula è finita, consiglio vivamente di schiacciare l’ardiglione onde evitare problemi ai pesci e ai pescatori,

e per una maggiore galleggiabilità può essere utile impermeabilizzarla con un trattamento apposito o del silicone durante l’azione di pesca, ma risulta efficace anche trascinata sotto il

filo dell’acqua. Buon divertimento!

 

 

 

 

.